ringiovanire-dopo-30-anni

Ringiovanire il viso dopo i 30 anni

Gli impegni e i problemi quotidiani, essere o meno fumatori e tantissimi altri fattori incidono sull’invecchiamento della pelle e dei tessuti del viso.

Nella mia esperienza di chirurgo plastico mi capita spesso di confrontarmi con 30enni che sembrano più avanti nell’età a causa di lineamenti del viso particolarmente marcati, rughe d’espressione, borse sotto gli occhi, ecc. Arrivare agli “anta” senza avere segni sul viso è oggi un traguardo veramente difficile da raggiungere.

Sempre più 30enni, per la maggioranza donne, ma è in crescita anche il numero di uomini, si presentano nel mio studio con la richiesta di cancellare i primi segni del tempo.

Le soluzioni che solitamente prospetto a queste pazienti, che ovviamente hanno già sperimentato l’applicazione di creme per il viso, sono di diverso tipo e dipendono dal singolo caso, come per qualsiasi procedura medica.

La tossina botulinica, chiamata comunemente botox o botulino, è il nome del farmaco che oggi viene comunemente utilizzato in chirurgia estetica soprattutto per il trattamento delle rughe glabellari, ovvero quelle che si formano sulla fronte e tra le sopracciglia. È un trattamento di medicina estetica poco invasivo che va ripetuto ciclicamente nel corso dei mesi e al quale ricorrono solitamente pazienti molto giovani che accusano i primi segni dell’età, ma che ancora non vogliono o non hanno bisogno di interventi più importanti.

Il lifting del viso viene invece eseguito quando i segni sul volto sono molto più profondi ed è un vero e proprio intervento di chirurgia estetica. Serve a risollevare e riposizionare la pelle del viso che ha perso tono ed è cadente verso il basso, in modo da donare al volto un aspetto più giovane e tonico.

Un approccio più “soft” è in questo ambito offerto dal lifting endoscopico che prende il nome dall’endoscopio, lo strumento con il quale viene realizzato. Questo intervento è particolarmente indicato per il ringiovanimento dei 2/3 superiori del viso. Si lavora sul sopracciglio e sulla regione delle guance e degli zigomi, sollevando queste zone e riducendo la profondità delle rughe. È particolarmente indicato per dare una maggiore luminosità allo sguardo, eliminando quella espressione triste e stanca e conferendo un aspetto più riposato e giovanile, lasciando inalterate le caratteristiche proprie del viso.

Da qualche tempo, infine, ho iniziato ad adottare una nuova tecnica per il viso: Silhouette Soft®, un’innovazione tecnologica in grado di offrire ottimi risultati fino a 18 mesi. Attraverso fili di sospensione in collagene che vengono riassorbiti dal corpo con il passare del tempo, è possibile ottenere un immediato effetto lifting e un’azione di rigenerazione del collagene, offrendo maggiore definizione al volto, mantenendo l’effetto volume nel tempo e recuperando i lineamenti.